Just another WordPress site

10 cibi che non dovreste consumare se soffrite di fibromialgia. Il consumo di questi alimenti, può peggiorare il dolore.

I cibi infiammatori dovrebbero essere in cima alla lista delle cose da evitare se si soffre di malattie croniche. L’infiammazione cronica è la causa di queste malattie che raggiungono nel tempo, livelli sempre più gravi.

Fibromialgia , malattie autoimmuni, come artrite reumatoide, lupus, sclerosi multipla e cancro, sono alcune delle malattie che derivano da un corpo esposto ad un’infiammazione costante.

Gli alimenti che causano infiammazioni, sono tra i maggiori responsabili delle malattie sopra menzionate. Di alcune, l’aggravamento, può portare anche alla morte.

Secondo le statistiche dell’Organizzazione mondiale della sanità, nel 2004 circa 12,9 milioni di persone sono morte di qualche forma di malattia cardiovascolare. Ogni anno il Global Cancer Research Fund, stima che circa otto milioni di persone muoiono di cancro. Le malattie cardiache e il cancro, sono manifestazioni mortali dell’infiammazione cronica e sono le principali cause di morte nei paesi sviluppati.

Ma lo studio afferma che il rischio di malattie cardiache e cancro, può diminuire se si modifica lo stile di vita, soprattutto alimentare, in modo positivo. Con ogni cibo che consumiamo, assumiamo elementi infiammatori o antinfiammatori che dovrebbero essere almeno equilibrati.

10 Cibi infiammatori da evitare se si soffre di fibromialgia

Per cambiare la bilancia a vostro favore e migliorare il vostro stato di salute generale, è importante evitare o ridurre gli alimenti che causano l’infiammazione.
Elenchiamo i dieci alimenti che favoriscono le malattie infiammatorie come la fibromialgia, sclerosi multipla, disturbi della tiroide, l’artrite reumatoide. Anche la stanchezza cronica, pur non essendo una vera e propria malattia, è il prodotto di un organismo infiammato.

1. Zuccheri

agente infiammatorio: l’eccessiva assunzione di zucchero provoca carie, aumenta il rischio di obesità, causa infiammazione e malattie croniche come la sindrome metabolica e diabete di tipo 2. È stato inoltre dimostrato che lo zucchero e i prodotti lattiero-caseari sono tra le cause dell’acne.

Lo si può trovare in:
bevande zuccherate quali le bevande analcoliche, bibite e succhi di frutta, tutte fonti di zuccheri che molti assumono senza pensarci. Lo sapevate che bere una lattina di Coca-Cola equivale a mangiare dieci zollette di zucchero?
Altri cibi ricchi di zucchero da evitare o almeno limitare, sono, torte, dessert, dolci e spuntini. E quando cercate lo zucchero nella lista degli ingredienti, ricordate che lo zucchero ha molti nomi: sciroppo di mais, destrosio, fruttosio, sciroppo d’oro, maltosio e saccarosio. Questi sono alcuni dei nomi utilizzati per confondere il consumatore.

Sostituti dello zucchero:
Amate i sapori di dolci? Scegliete dolcificanti naturali come la stevia, il miele o la melassa per dolcificare bevande e cibo, ma con moderazione. Gli zuccheri naturali presenti nella frutta fresca o secca, sono ottime alternative. Non solo vi daranno la dolcezza desiderata, ma vi offriranno vitamine, antiossidanti e fibre che non troverete negli alimenti e nelle bevande zuccherate. Datteri, fichi, kiwi, mandarini e vari tipi di bacche, sono alcuni degli snack sani e naturali che potete scegliere se desiderate qualcosa di dolce.

2. Olio da cucina

Agente infiammatorio: gli oli comuni vegetali utilizzati in molte case e ristoranti, hanno acidi grassi omega-6 molto elevati e grassi omega-3 purtroppo molto bassi. Una dieta costituita da omega-6 altamente squilibrati, favorisce l’infiammazione e genera malattie infiammatorie come le malattie cardiache e il cancro.

Lo trovate in :
oli vegetali polinsaturi, come l’olio d’uva, di cotone, di cartamo, di mais, di canola e di girasole. Questi oli vegetali industriali sono comunemente utilizzati per preparare gli alimenti e le bevande più elaborate.

Sostituire gli oli :
Sostituire l’olio da cucina omega-6, con olio di macadamia, olio extra vergine di oliva, olio di cocco e altri oli commestibili con una proporzione più equilibrata di omega-6 e omega-3.
L’ olio di macadamia, per esempio, ha un rapporto grasso quasi 00:59 omega-6 ed è inoltre ricco di acido oleico, un acido grasso monoinsaturo che mantiene il cuore sano.

3. Grassi trans

( I grassi trans sono molecole lipidiche INDESIDERATE perché riconosciute come nocive. Risultano naturalmente presenti in alcuni cibi (soprattutto latte, derivati ed alcune carni), ma in concentrazioni assolutamente ridotte rispetto a quelle dei prodotti industriali contenenti grassi idrogenati.)

Agente infiammatorio: gli acidi grassi trans sono noti per il loro doppio effetto : aumentano i livelli di colesterolo “cattivo”, mentre abbassano i livelli di colesterolo “buono”. Ma non è tutto quello che possono fare. È stato dimostrato che sono cibi infiammatori che favoriscono l’obesità , la resistenza all’insulina, e le malattie degenerative.

Potete trovarli in:
cibi fritti, alimenti fast food, prodotti commerciali cotti e quelli preparati con olio parzialmente idrogenato (margarina).
Considerate che alcuni prodotti che indicano il grasso trans a 0g sull’etichetta, possono comunque contenere una certa quantità di questi grassi tossici. Questo perché negli Stati Uniti il governo consente ai prodotti alimentari, di contenere una dose minima al di sotto dello 0,5 g di grassi trans. Il burro di arachidi preparato industrialmente, è un buon esempio di quanto detto. La cosa migliore da fare, è leggere l’elenco degli ingredienti e assicurarsi che l’olio vegetale parzialmente idrogenato, non sia stato utilizzato.

Sostituti dei grassi trans:
cercate prodotti alternativi che non contengano grassi trans e olio vegetale parzialmente idrogenato, nell’elenco degli ingredienti. In caso di dubbio, sappiate che tutti gli alimenti preparati industrialmente, contengono quasi certamente grassi trans, salvo diversa indicazione.

4. Prodotti lattiero-caseari

Agente infiammatorio: il 60% della popolazione mondiale non digerisce il latte. In effetti, i ricercatori ritengono che, essere in grado di digerire il latte dopo l’infanzia, è piuttosto anormale. Il latte è un allergene che può scatenare reazioni infiammatorie quali : mal di stomaco, stitichezza, diarrea, rash, acne, orticaria e difficoltà respiratorie in persone sensibili.

Potete trovarli in:
Il latte e i prodotti lattiero-caseari sono quasi ovunque, come gli alimenti che contengono olio parzialmente idrogenato.
Oltre a ovvi prodotti lattiero-caseari, come il burro e il formaggio, gli alimenti con contenuto di latte nascosto includono: pane, biscotti, torte, salse di crema e cereali in scatola. Leggere l’elenco degli ingredienti, è il modo più sicuro per cercare il latte negli alimenti. Sono gli alimenti infiammatori più potenti che esistono, anche se molte persone non ne sono a conoscenza.

Sostituti del latte:
Lo yogurt di Kefir, consumato moderatamente, è una soluzione accettabile. Risulta più digeribile per lo stomaco, poiché il lattosio e le proteine del latte sono state spezzate da batteri benefici e / o lieviti.

5. Carne da allenamento

Agente infiammatorio: bovini allevati a livello industriale e nutriti con mangimi come la soia, mais e grassi omega-6. A causa dei piccoli spazi dove vengono allevati, questi animali assumono grassi in eccesso. Ma non è tutto: per crescere più velocemente e impedire loro di ammalarsi, vengono iniettati ormoni e imbottiti di antibiotici.
Il risultato è un pezzo di carne che non si dovrebbe assolutamente mangiare.

Potete trovare in:
Se non diversamente indicato, la maggior parte, se non tutta, la carne di manzo, di maiale e pollame arriva dagli allevamenti da ingrasso.

Sostituti della carne da allevamento:
gli animali allevati in modo biologico, nutriti naturalmente con le erbe al posto di granuli, ormoni, e grassi omega-3. Hanno più spazio per muoversi liberamente, sono più magri e contengono meno grassi saturi.

6 Carni rosse e carni lavorate

Agente infiammatorio: i ricercatori della scuola di medicina di San Diego dell’Università della California, hanno scoperto che la carne rossa contiene una molecola che gli umani non producono naturalmente il cui nome è, Neu5Gc. Dopo l’ingestione di questa molecola, il corpo sviluppa anticorpi anti-Neu5Gc, una risposta immunitaria che può innescare una reazione infiammatoria di tipo latente, ma definitivo, legata al cancro e alle malattie cardiache.

Il legame tra il consumo di carni lavorate e il cancro, è molto forte . In un rapporto del 2007 dal Fondo Globale per la Ricerca sul Cancro e l’Istituto Americano per la Ricerca sul Cancro, è stato dichiarato che le carni lavorate sono una causa convincente di tumori del colon e del retto e presumibilmente dell’esofago e dei polmoni.
La ricerca include i prodotti di origine animale che sono stati affumicati, curati, salati o chimicamente conservati.

Potete trovarla in : carni rosse comuni come carne bovina, agnello e maiale, mentre le carni lavorate includono prosciutto, salsiccia e salumi.

Sostituti per queste carni:
Non è necessario evitare carni rosse se è organica, anche se lo stesso non si può dire per le carni lavorate. Nessuna carne lavorata è sicura.
Sostituite la maggior parte della carne rossa con verdure biologiche, pollo e pesce e relegate la carne rossa come eccezione settimanale. Quando acquistate carne rossa, non dimenticate di scegliere tagli magri e preferibilmente, di animali alimentati ad erba. Per ridurre la tossicità, è consigliabile non bruciare la carne durante la cottura, ma preferite la stufatura, la cottura a vapore o in umido.

7. Alcool

Agente infiammatorio: è noto che l’elevata e continua assunzione di alcool, provoca irritazione e infiammazione dell’esofago, della laringe (scatola vocale) e del fegato. Con il passare del tempo, l’infiammazione cronica favorisce la crescita di tumori.

Potete trovarlo in :
Birre, sidro, liquori e vini.

Sostituti dell’ alcool:
un bicchiere rinfrescante e dissetante di acqua pura e filtrata, oppure una tazza di tè verde o al gelsomino che sono antinfiammatori e antinvecchiamento.
Se è difficile sostituire l’etanolo con l’acqua o il tè, almeno limitare il consumo a non più di un bicchiere al giorno.

8 Grani raffinati

Agente infiammatorio: il grano che mangiamo oggi è raffinato. Manca la fibra e la vitamina B rispetto ai chicchi non lucidati e non raffinati che hanno ancora intatto il livello di crusca, germe e aleurone. Questo rende i grani raffinati “cattivi” come gli zuccheri raffinati, e sono calorie vuote. Gli zuccheri raffinati, nonché i grani raffinati, hanno un indice glicemico più elevato di quelli non trasformati e quando consumati costantemente, possono accelerare l’insorgenza di malattie degenerative come il cancro, malattia coronarica e il diabete.

Potete trovarli in:
I prodotti realizzati con grani raffinati sono quasi ovunque. I più comuni sono: riso bianco, farina bianca, pane bianco, tagliatelle, pasta, biscotti e torte. Per peggiorare le cose, molti prodotti con grani raffinati vengono sottoposti a ulteriori trattamenti per migliorare il loro sapore e sono spesso caricati con zucchero in eccesso, sale, sapori artificiali e / o olio parzialmente idrogenato.
Un esempio sono le scatole di cereali contenenti notevoli quantità di zucchero e aromi aggiunti.

Sostituti del grano raffinato:
Optare per i grani semilavorati, se non si è intolleranti al glutine o allergici ai chicchi. Se siete amanti del pane o prodotti di pasticceria, investite in un macinino per produrre la propria farina. Sarà molto più sano del grano presente nei negozi. Quando si acquista grano o altri prodotti a base di grano, non prendete alla lettera ciò che è scritto nelle etichette. La definizione “grani interi” che trovate, non significa grani “integri” al 100% .
Dovrebbero portare la dicitura “grano integrale”.
Se non la vedete, non compratela.

9. Additivi alimentari artificiali

Agente infiammatorio: secondo quanto riferito, alcuni additivi artificiali alimentari come l’aspartame e il glutammato monosodico (MSG), innescano reazioni infiammatorie, soprattutto nelle persone che già soffrono di malattie infiammatorie come l’artrite reumatoide.

È possibile trovarli in:
Gli alimenti confezionati contengono solo additivi alimentari artificiali. Se intendete comprarli, leggete attentamente le etichette e analizzate i loro rischi.

Agente infiammatorio: perché il numero 10 è vuoto? Perché è destinato al cibo a cui siete intolleranti. Molte persone sono intolleranti a determinati alimenti, ma non ne sono consapevoli. A differenza delle allergie alimentari i cui i sintomi di solito vengono in superficie rapidamente e notevolmente, i sintomi causati dall’intolleranza alimentare, possono richiedere più tempo per manifestarsi. Di conseguenza, quando si manifestano, sono spesso comuni disturbi di disagio minore, come stanchezza e mal di testa. Ma l’esposizione ripetuta e a lungo termine a cibi irritanti, può causare infiammazione e portare a malattie croniche.

Potete trovarli in:
Gli allergeni alimentari più comuni sono glutine, noci, uova e verdure solanee. Contrariamente a credenze comuni, è possibile sviluppare un’allergia ai cibi che si consumano più frequentemente.

Sostituti per questi alimenti:
Se sospettate che un determinato alimento possa essere responsabile della vostra intolleranza alimentare, cercate di evitarlo completamente per circa due settimane e controllare la vostra reazione. Al termine del periodo, reintrodurre il cibo nella vostra dieta. Se siete davvero intolleranti a questo alimento, dovreste essere in grado di notare la differenza in termini di salute.

Loading...